The Voice Senior, Loredana Berte trattiene a stento le lacrime: “Un pugno nello stomaco”

Loredana Bertè, giudice di The Voice Senior, nella serata di ieri ha dovuto trattenere a stento le lacrime in un delicato momento del talent. Ecco cosa è accaduto.

L’emozione di Loredana Bertè

Ancora una puntata emozionante, ancora tanta commozione, ma anche leggiadria. Il talent di Rai Uno, The Voice Senior, condotto da Antonella Clerici il sabato sera si sta confermando un programma speciale e sugli altissimi livelli della scorsa stagione. Nella puntata di ieri sera, in particolare, un momento ha coperto con un velo di malinconia gli studi Rai. Cosa è accaduto? La bravissima concorrente Eva Pallotta ha scelto di portare dinanzi ai giudici il brano Gli uomini non cambiano, capolavoro della compianta Mia Martini, sorella di Loredana Bertè, giudice del programma insieme a Gigi D’Alessio, Clementino e Orietta Berti. L’esibizione è stata eccelsa, ma nessuno dei giurati si è voltato. In diverse occasioni, durante l’esibizione di Eva Pallotta, gli altri giurati hanno cercato di convincere Loredana Bertè a girarsi, ma l’emozione per la cantante è stata troppo forte.

A fine esibizione, Gigi D’Alessio ha voluto spiegare la decisione dei giudici: “Qui era giusto dare priorità a Loredana, perché è un brano intenso che appartiene alla sua vita. Un brano che ha segnato la sua vita, ed è un brano che rimarrà”. Pallotta ha raccontato: “Ho voluto esprimere tutto ciò che c’è dentro questo brano, c’è dentro Mimì. Ho avuto il coraggio di cantarlo ma è una cosa che ho dentro di me”. Dopo l’uscita della concorrente Bertè ha spezzato il silenzio: “Non ha cantato male, ma ogni volta che sento questo pezzo è un pugno nello stomaco, l’ho fatto per rispetto verso Mimì”. 

Il brano Gli uomini non cambiano 

Inserita nell’album Lacrime, la canzone Gli uomini non cambiano è uno dei più grandi e noti successi di Mia Martini. Con questo brano, la grande artista si piazzò al secondo posto del Festival di Sanremo del 1992, dietro a Luca Barbarossa. Con lo stesso singolo, Mia Martini rappresentò l’Italia presso l’Eurovision Song Contest, in Svezia.

Nel brano, Mia Martini parla del rapporto, e della delusione, tra uomo e donna, partendo da quello paterno, fino alla tristezza delle pene d’amore.