Monica Bellucci e Vincent Cassel, perché è finita tra i due? Dopo anni la verità sull’addio

Coppia amatissima, dopo 14 anni di matrimonio si è separata: ma qual è il motivo dietro l’allontanamento di Vincent Cassel e Monica Bellucci? Scopriamolo.

Monica Bellucci e Vincent Cassel – Foto fornita da Frazer Harrison / Credits: Getty Images

Perché i due si sono lasciati

L’annuncio della fine del loro matrimonio, nell’agosto del 2013, destò grande scalpore e una certa amarezza nei tantissimi fan della coppia. Vincent Cassel e Monica Bellucci si erano detti addio dopo quasi 14 anni di matrimonio. I due si erano conosciuti sul set del film L’appartamento, nel 1996 e, dopo tre anni di fidanzamento, nel ’99 erano convolati a nozze con una bellissima cerimonia a Montecarlo. La coppia ha avuto due figlie, entrambe nate a Roma: Deva, il 12 settembre 2004 e Léonie, il 21 maggio 2010. Ma perché tra i due è finita? La cronaca rosa di quegli anni definì la separazione un atto avvenuto: “Di comune accordo”.

La stessa Monica Bellucci, tempo dopo, rivelò che, pur essendo sposati, vivevano diversi mesi l’anno in diversi luoghi: l’attrice si divideva tra Roma, Parigi e Londra, mentre l’attore si recava spesso a Rio De Janeiro. Secondo le indiscrezioni – ma Bellucci è sempre stata molto restia sull’argomento – Vincent Cassel aveva una relazione con un’altra donna proprio in Brasile. Per tale motivo, l’attrice italiana, avrebbe poi deciso di troncare il loro matrimonio. Nel 2017 il sito Dagospia pubblicò un articolo in cui confermava tale versione dei fatti.

I due oggi

L’attrice vive a Parigi, insieme alle sue figlie, ma spesso torna in Italia. In una recente intervista Monica Bellucci ha dichiarato di volersi trasferire a Londra, dove ha acquistato una casa nel quartiere di Chelsea.

Vincent Cassel, invece, nell’agosto del 2018 è convolato a nozze a Bidart, in Francia, con la modella italo-francese Tina Kunakey, di 31 anni più giovane. La coppia ha avuto una figlia, Amazonie nel 2019 e attualmente vive in Brasile.

Impostazioni privacy