Aurora Ramazzotti, lo sfogo della figlia di Michelle Hunziker: “Mi provoca malessere”

La figlia di Michelle Hunziker ed Eros Ramazzotti, Aurora, ha parlato di alcune sensazioni vissute in questo periodo natalizio. Ecco cosa ha detto.

Le parole di Aurora Ramazzotti

La scorsa domenica abbiamo potuto vederla, al fianco di mamma Michelle Hunziker, nel corso della finalissima di All Together Now, su Canale 5. Aurora Ramazzotti è sempre più lanciata nel mondo dello spettacolo, in particolare nel piccolo schermo. Quest’anno, infatti, è stato davvero prolifico per l’influencer milanese, che ha debuttato a Le Iene in autunno e in seguito alla conduzione, con Alvin, nel programma di Italia Uno MisteryLand. La figlia di Eros Ramazzotti ha parlato con i suoi tanti followers delle imminenti festività natalizie, rivelando alcuni inediti retroscena.

Ha esordito Aurora: “Chiaramente non ho sempre avuto una malinconia dovuta al Natale. L’ho sviluppata in adolescenza, quando ho perso gli equilibri su cui barcollavano in bilico le mie certezze”. Per gli utenti, la giovane influencer, stava facendo riferimento al periodo del divorzio di Eros e Michelle, avvenuto nel 2009. Ha continuato: “Inizialmente la colpa la do alle mie aspettative. Avevo aspettative idilliache dovute alla perduta spensieratezza e gioia dell’infanzia che non riuscivo mai a incontrare perché, appunto, la bambina che era in me sembrava sempre più lontana”. 

La confessione della figlia di Michelle Hunziker

Aurora Ramazzotti ha continuato spiegando di aver trovato conforto parlando con altre persone che si sentivano nello stesso modo in questo particolare momento dell’anno. Ha spiegato: “Piano piano la sensazione di insofferenza è diventata una tassa fissa, come una folata di vento che arriva puntuale ogni anno alla prima lucina appesa in alto. Ma non sono sempre riuscita a capirmi”. 

Non è la prima volta che, con coraggio, la 25enne milanese parla pubblicamente delle sue inquietudini. Ed ha concluso: “Oggi per me si è tutto intensificato perché so quanta gente soffre e quanto può fare male sentirsi sbagliati perché qualcuno ha deciso che ci si debba sentire in un determinato modo”.