Al Bano, la delusione cocente: “Non avrei mai immaginato…”

Quando pensavamo che, finalmente, dopo due anni di pandemia avremmo iniziato  nuovamente a vedere la luce, il conflitto tra Russia e Ucraina ha inevitabilmente creato un senso di sconforto, paura e preoccupazione in tutti noi.

Sono stati tanti i personaggi dello spettacolo che, colpiti dalla situazione dell’Ucraina, si sono mobilitati per sostenere tale popolazione in enorme difficoltà, e tanti hanno anche deciso di esprimere la propria opinione a riguardo.

Albano Carrisi è, senza dubbio, uno degli artisti più amati, apprezzati e conosciuti del parterre musicale italiano. Alla luce dei nuovi eventi, il cantautore ha scelto di compiere un gesto molto significativo per esprimere il suo dissenso nei confronti del conflitto tra Russia e Ucraina; gesto che, tuttavia, non è stato colto di buon grado da tutti i suoi innumerevoli fan.

Qual è stata l’amara decisione presa da Albano Carrisi? È stato lui stesso a rivelarla, in una recente intervista radiofonica. Ecco di cosa si tratta.

Stessa storia, diversa circostanza

Negli ultimi due anni, spesso ci siamo trovati ad assistere ad annunci di artisti che, a causa della pandemia da Covid-19, sono stati costretti ad annullare i propri spettacoli. Ad oggi, nonostante l’Italia sia oramai in ripresa e il Coronavirus si appresti a diventare solo un brutto ricordo, Albano Carrisi ha deciso di annullare tutti i suoi concerti previsti in terra russa. Questa volta, però, la decisione presa da Albano non dipende dal contesto sanitario, bensì dalla situazione che vede attualmente coinvolte Russia e Ucraina. Ad annunciare l’amara decisione è stato proprio il cantautore, nel corso di un’intervista rilasciata al programma radiofonico Un giorno da pecora, trasmesso su Rai Radio 1.

Le riflessioni di Albano

Nel corso della trasmissione radiofonica precedentemente citata, Albano Carrisi non si è solo limitato ad annunciare l’annullamento dei suoi concerti in Russia, ma ha anche espresso le sue opinioni riguardanti, appunto, il conflitto in atto in Ucraina. Ecco, dunque, il commento del cantautore di Cellino San Marco: “Non avrei mai immaginato un passo del genere da Putin, sono stato un suo grande ammiratore, ma non si può mettere in moto una macchina da guerra di quel genere contro i suoi fratelli. Come si fa a non cambiare idea su Putin dopo quello che ha fatto?”.

Successivamente, Albano ha aggiunto: “A Putin direi: ‘Fermati finché sei in tempo’. Lui sta lavorando anche contro sé stesso, non sta difendendo niente. Agli occhi del mondo sta distruggendo la sua immagine. Non è accettabile vedere quello che sta succedendo in Ucraina, con attacchi anche agli ospedali, carri armati e bambini che muoiono. No, questo non è accettabile”.