Albano ospita profughi ucraini: ecco la sua casa, tenuta a Cellino San Marco

Al Bano, uno dei cantanti più apprezzati del panorama musicale italiano, si è recentemente mobilitato per aiutare la comunità ucraina accogliendo 4 profughi  nella sua tenuta a Cellino San Marco. Proviamo a scoprire maggiori dettagli al riguardo.

Al Bano ha dato il via alla propria carriera nel 1965, anno in cui ha inciso il suo primo disco, La Strada, cover di un brano statunitense. Da allora il cantante pugliese è riuscito a farsi spazio nel panorama musicale italiano conquistando milioni di ascoltatori, fino a diventare uno dei nomi più apprezzati e seguiti del nostro paese.

Uno dei periodi più floridi della carriera di Al Bano è senza dubbio rappresentato dal sodalizio artistico con la cantante statunitense, poi diventata sua moglie, Romina Power. Il duo ha registrato numerosi successi riuscendo a conquistare anche un pubblico internazionale, in particolare nell’America Latina e in Russia. Ma dopo aver passato 20 anni l’uno al fianco dell’altra, nel lavoro e nella vita reale, Al Bano e Romina hanno deciso di dividersi riprendendo in mano le rispettive carriere da solisti.

Il cantante pugliese nel corso degli anni ha sempre mostrato particolare affetto per la Russia, paese in cui ha ottenuto dei discreti successi dal punto di vita musicale e in cui si è esibito in più occasioni. Visto il suo legame con questo paese, Al Bano è stato chiamato da diverse trasmissioni per commentare la tragedia che in queste settimane sta colpendo l’Ucraina proprio a causa del presidente russo Vladimir Putin.

Al Bano accoglie una famiglia in fuga dall’Ucraina: il gesto del cantante

A tal proposito l’artista pugliese in una recente intervista a Un Giorno da Pecora, programma radiofonico in onda su Rai Radio 1, ha dichiarato: “Non avrei mai immaginato un passo del genere da Putin, sono stato un suo grande ammiratore, ma non si può mettere in moto una macchina da guerra di quel genere contro i suoi fratelli. Come si fa a non cambiare idea su Putin, dopo quello che ha fatto?”. Insomma una chiara condanna del terribile atto compiuto dal Presidente Russo che è stata seguita da un gesto di supporto e sostegno alla comunità ucraina.

In particolare Al Bano, proprio nella giornata di ieri, venerdì 18 marzo, ha accolto nella sua tenuta a Cellino San Marco, 4 profughi ucraini. Secondo quanto riportato da AGI, si tratta di Maria, una professoressa di psicologia, suo figlio Ivan di 7 anni e due suoi studenti, Vlad, 18 anni e Ivan 15. Il gesto del noto cantante ha coinvolto l’intera comunità del comune di Cellino, che ha prontamente risposto accogliendo un gruppo di circa 40 profughi.

Le Tenute Al Bano

Maria, il figlio Ivan e i suoi due studenti, dopo giorni di sofferenza e un viaggio estenuante, sono finalmente al sicuro, accolti in un contesto meraviglioso come quello delle Tenute Al Bano, circondati dalla natura e da ampi spazi. Secondo quanto riferito da AGI, il cantante ha messo a disposizione due meravigliose stanze, una per la madre e il figlio e l’altra per i due ragazzi, entrambe dotate di tutti i comfort necessari. L’artista ha anche raccontato di averli accolti con una tavola imbandita nel tentativo di trasmettere loro un po’ di calore familiare.

Il cantante ha anche precisato di aver preferito, almeno per il momento, non chiedere loro quale sia la situazione in Ucraina o dettagli sulle loro famiglie. Infatti, nonostante Maira, Ivan e i due studenti siano riusciti a mettersi in salvo, non dimenticheranno mai quello che sta accadendo nel loro paese e tutto ciò che hanno perso a causa di questa guerra.