Pierdante Piccioni, il vero “Doc” anticipa la terza serie: “Questo è il patto”

Il Dottor Amnesia rivela alcune anticipazioni sulla terza stagione di Doc e parla del suo rapporto con il cast della fiction.

Il 17 marzo si è conclusa la seconda stagione di “Doc – Nelle tue mani”, la serie televisiva di Rai 1 scritta da Francesco Arlanch e Viola Rispoli e diretta, per il 2022, da Beniamino Catena e Giacomo Martelli. 

Con 6 milioni e mezzo di telespettatori e più del 30% di share per l’ultima puntata andata in onda, la fiction del primo canale si è confermata un successo televisivo ed è di fatto diventata uno degli appuntamenti fissi del pubblico italiano.

Ad appassionare è senza dubbio l’elemento di veridicità che regge la trama. La serie, infatti, è ispirata alla storia vera del dottor Pierdante Piccioni, ex primario dei Pronto Soccorso di Lodi e Codogno, che, in seguito ad un incidente stradale sulla tangenziale di Pavia, ha dimenticato gli ultimi 12 anni della sua vita.

Fervono i preparativi per la terza stagione di Doc: i dettagli rivelati da Pierdante Piccioni

Doc nelle tue mani
Fonte: www.rai.it

Ed è proprio il “Dottor Amnesia” ad aver rivelato gli ultimi retroscena sull’amata fiction nel corso di un’intervista rilasciata a “Tv Sorrisi e Canzoni”. Pierdante Piccioni, che ha collaborato alla sceneggiatura dal punto di vista medico, ha confermato che è tutto già partito per la realizzazione della terza stagione di Doc: gli addetti ai lavori stanno ragionando su come dovrà evolversi la trama, mentre lui farà da consulente per la parte clinica. Le storie partiranno come sempre da casi reali e verranno via via arricchite con elementi verosimili, mentre le vicende dei personaggi seguiranno la stessa vincente formula adottata fino a questo momento, ovvero un intreccio di “casi veri e aspetti privati. Ci saranno nuove storie, certi rapporti continueranno e altri si interromperanno. Storie vere e metodo empatico. Questo è il patto tra due entità alla pari, quali sono medico e paziente”. 

Il rapporto tra Pierdante Piccioni e gli attori della serie televisiva

Nel corso dell’intervista, il Dottor Piccioni ha anche avuto modo di soffermarsi sui rapporti tra lui e il cast della fiction. Su Luca Argentero ha raccontato: “Ci sentiamo per le cose importanti, purtroppo il Covid ha impedito a lui di venire a Pavia da me e a me di andare a Città della Pieve o a Milano da lui. Abbiamo quasi 20 anni di differenza e faccio un po’ il fratello maggiore. Non lo sento spesso, ma quando ha bisogno sì. Anche per iniziative benefiche o per stupidaggini, come si fa tra amici.” Lo stesso vale per Pierpaolo Spollon, con il quale sarà ospite al “Festival Seriés Mania a Lille”, in Francia, dove la prima stagione di Doc ha riscosso un enorme successo. L’evento sarà un’occasione per consolidare la loro amicizia: “Io e lui, il mio cocco nella vita, passeremo tre giorni a ridere. Anche lui mi sa che è prefrontale…”, ha ammesso. Discorso a parte per Matilde Gioli, con cui ha dichiarato, scherzando, di avere un “rapporto ottimo, anche se le femmine di casa mia sono gelose”.