Harry e Meghan, altro che riappacificazione: “State lontani dalla Regina” | Cosa sta accadendo

Tra poco meno di un mese inizieranno le celebrazioni per il Giubileo di Platino della Regina Elisabetta, ma il principe Harry e Meghan potrebbero non essere presenti all’evento. Cosa sta accadendo a Buckingham Palace? Proviamo a scoprire di più. 

Negli ultimi giorni il Duca e la Duchessa di Sussex, hanno conquistato le pagine dei principali quotidiani britannici. I due, da quando nel gennaio del 2020 hanno preso la decisione di ritirarsi da tutti gli incarichi ufficiali della Royal Family, non sembrano essere ben visti da parte di alcuni componenti della famiglia.

Qualche settimana fa il principe e la duchessa, secondo quanto riportato, avrebbero incontrato in gran segreto la Regina Elisabetta, che li avrebbe ufficialmente invitati a prendere parte alle celebrazioni per i suoi 70 anni di regno che si terranno nel weekend che va dal 2 al 5 giugno.

Harry e Meghan nei guai, ancora una volta

Il Principe Harry, però, durante un’intervista alla Nbc, a proposito della sua partecipazione all’evento ha dichiarato: “Ci sono ancora problemi legati alla sicurezza”, svincolandosi dalla domanda senza fornire una risposta certa. Le parole del Duca di Sussex non sono state ben accolta da alcuni dei principali esperti della Royal Family, tra cui Angela Levin, nota scrittrice inglese, che ha commentato: “Una scusa patetica”.

Il messaggio ricevuto da Harry e Meghan

Inoltre secondo alcune indiscrezioni riportate dal sito The News, Harry e Meghan avrebbero ricevuto un invito a “stare a casa” e non recarsi all’evento evitando così di mettere in ombra la vera protagonista dei festeggiamenti, la Regina Elisabetta. Riguardo al messaggio inoltrato alla coppia, però, non sembrano esserci fonti certe e non è ancora chiaro chi sia l’autore.

In attesa di scoprire se il Duca e la Duchessa di Sussex prenderanno parte al Giubileo di Platino della Regina Elisabetta, i preparativi per i festeggiamenti che coinvolgeranno la Royal Family e tutti i cittadini del Regno Unito hanno già preso il via.