Amici 22, scoppia lo scandalo “raccomandati” | Chi sono e cosa succederà alla scuola

Caos sugli allievi di Amici 22. Il pubblico ritiene che ci siano tanti raccomandati e sarebbe ormai in subbuglio. Una situazione che non ha quasi precedenti, e che è già arrivata alle orecchie della conduttrice televisiva Maria De Filippi, la quale pare abbia già avuto una prima reazione dopo queste indiscrezioni.

I telespettatori che seguono assiduamente il talent show di Canale 5 si sono resi conto quest’anno che c’è qualcosa che non va nel talent. Ci sarebbero infatti alcuni allievi che sarebbero tutelati maggiormente rispetto agli altri.

Dunque, ad Amici 22 alcuni allievi sarebbero raccomandati e aiutati più del dovuto secondo l’opinione di alcuni utenti, ma anche a quanto pare di una parte della stampa. 

Il settimanale Nuovo, ha scritto un articolo che mette in piena luce ciò che starebbe succedendo fuori dalla casetta. Confermando in questo modo la sensazione dei telespettatori che all’interno della trasmissione ci sarebbero alcuni ragazzi con un supporto molto esagerato.

Amici 22, scoppia lo scandalo “raccomandati”. Di chi si parla

In particolare ce n’è una che secondo la rivista, avrebbe tutele importanti perché il suo fidanzato è un volto conosciuto del talent.  Amici nel mirino dei fan che accusano: troppi allievi raccomandati. Maria De Filippi è serena: certe accuse non la toccano”, scrive il settimanale Nuovo, raccontando in questo modo,  il pensiero di Maria che non darebbe credito a quelle che considera accuse gratuite. Andrà avanti per la sua strada e presumibilmente non dirà nulla pubblicamente nel corso delle prossime puntate del talent. Comunque, come sottolineato anche dal sito Blasting News, il nome che circola sarebbe sempre lo stesso. 

Il nome della “raccomandata” svelato

Nel mirino sarebbe finita la ballerina Claudia Bentrovato, che è stata apprezzata sin da subito dall’insegnante di ballo Raimondo Todaro. Lei ha una relazione sentimentale con Samuele Barbetta, ex concorrente dell’edizione 2020-2021 e quindi per molti questo rapporto sarebbe una sorta di “protezione” rispetto agli altri concorrenti.