Cesare Bocci, il racconto drammatico della malattia di sua moglie Daniela: “Venti giorni in coma”

L’amore è un sentimento potente, in grado di superare qualsiasi difficoltà della vita. Cesare Bocci e sua moglie, Daniela Spada, ne sono un esempio meraviglioso.

Cesare, in qualità di attore, non ha di certo bisogno di presentazioni: è il suo talento, infatti, a parlare per lui. Bocci ha iniziato a recitare in teatro quando era molto giovane, per approdare poi sul grande schermo nel 1990 nel film L’aria serena dell’ovest, per la regia di Silvio Soldini.

A partire da allora, Cesare Bocci non ha mai smesso di recitare, e ha preso parte a svariate pellicole e serie televisive di grande successo quali Elisa di Rivombrosa; Provaci ancora prof!; Una grande famiglia e molte altre. Nel corso della sua brillante carriera, inoltre, Cesare ha dimostrato di essere anche un eccellente conduttore: l’attore, infatti, è stato al timone di numerosi programmi televisivi, tra cui Il giallo e il nero e Miss Italia. Attualmente, Bocci è impegnato nella conduzione della trasmissione targata Mediaset intitolata Viaggio nella grande bellezza.

La vita di Cesare Bocci, però, non è stata sempre e solo costellata da aspetti positivi, ma anche, purtroppo, da momenti di dolore e profonda sofferenza, come nel periodo nel quale si è manifestata la malattia di sua moglie Daniela. Ecco il racconto dell’attore.

Un fulmine a ciel sereno

Cesare Bocci e Daniela Spada condividono la vita dal 1993; quello che li lega è un sentimento fortissimo e, il 26 marzo 2000, con la nascita di Mia, è avvenuto il coronamento del loro amore. E proprio in quel periodo felice, il 1 aprile 2000, a distanza di una settimana dall’arrivo della loro bambina, Daniela è stata colpita da un violento ictus. In una passata intervista rilasciata alla rivista Vanity Fair, l’attore si è lasciato andare al racconto di quel tragico momento: “Dany rimase in coma per venti giorni, poi due mesi in neurologia, infine in una clinica di riabilitazione: all’inizio non riusciva neanche ad alzarsi. Ma, a dispetto di ciò che dicevano i medici, io ero sicuro che si sarebbe ripresa: so che è una combattente”. Quel giorno, per fortuna, Cesare si trovava in casa con sua moglie, e ha subito provveduto a portare Daniela al pronto soccorso; una volta giunti in ospedale, però, la tac fu eseguita dopo un’ora e mezza. “All’inizio i dottori pensavano che fosse una crisi isterica”, ha rivelato Cesare Bocci, “e chiedevano se avessimo litigato, mi ripetevano: ‘Nervosa la signora, eh?’. E ci credo che era nervosa: sa come girano le pa**e con un ictus?”

Leggi anche—>Luca Laurenti, il racconto della malattia del maestro: “Guarito grazie anche a mia moglie e Bonolis”

La quiete dopo la tempesta

Nonostante quei momenti di puro terrore, oggi Daniela sta bene, ed è tornata a svolgere la sua professione: la grafica. Durante il periodo di riabilitazione, inoltre, la moglie di Cesare Bocci ha sviluppato una grande passione per la cucina e, attualmente, gestisce anche una piccola scuola di cucina nella capitale.

Leggi anche—>Cristiano Malgioglio, il racconto drammatico della malattia: “Mi dissero che avrei avuto 5 mesi di vita se…”

Ecco, nell’intervista precedentemente citata, come Daniela ha deciso di raccontare uno dei momenti della sua rinascita: “Non potendo uscire, per anni ho seguito tutti i programmi in tv e mi sono appassionata. Ho frequentato un paio di scuole, diplomandomi cuoca e pasticciera. Purtroppo per le decorazioni dei dolci non sono un granché, ci vuole manualità, però le torte sono buone”. La storia di Cesare e Daniela ci ha donato un insegnamento fondamentale: l’amore, la costanza e la voglia di vivere vincono su tutto.