È sempre mezzogiorno, Antonella Clerici sbotta durante la puntata: “Ma siamo impazziti?”

Al giorno d’oggi, si sa, non è facile trovare persone disposte a esporsi per difendere qualcun altro; Antonella Clerici, però, lo ha fatto.

Da tempo, oramai, viene spesso affrontato in televisione il tema del body-shaming e del body-positivity. Sono tanti, nel mondo, i casi di persone che fanno fatica ad accettare il proprio corpo cadendo, per questo, in stati di profonda depressione.

Talvolta, chi non si accetta non solo deve fare i conti con sé stesso, ma anche (e soprattutto) con i giudizi di terze parti.

Nel corso del programma da lei condotto, È sempre mezzogiorno, Antonella Clerici ha sollevato proprio questo tipo di discussione, e lo ha fatto per difendere un’altra donna: un’artista reduce dalla partecipazione al Festival di Sanremo. Ecco che cosa è accaduto.

Solidarietà femminile

Emma Marrone è stata una delle protagoniste indiscusse dell’edizione del Festival di Sanremo appena terminata: ciò che ha conquistato i telespettatori non è stata solo la sua bellissima canzone, ma anche i meravigliosi look esibiti dalla cantante. Il giornalista Davide Maggio, tuttavia, pare non aver apprezzato le calze a rete indossate da Emma: tale osservazione ha creato un vero e proprio polverone mediatico. A tal proposito, nel corso della diretta di È sempre mezzogiorno, Antonella Clerici si è lasciata andare a un breve sfogo affermando quanto segue: “Mi ha colpito molto questa storia di Emma, di questo body-shaming, perché gli è stato detto: ‘Se hai una gamba importante devi evitare di indossare le calze a rete’… Ma siamo impazziti! Proprio perché hai una bella gamba devi mettere le calze a rete, esattamente il contrario”.

Leggi anche—>Antonella Clerici, la triste confessione della conduttrice: “E’ un brutto periodo”

Un messaggio rivolto a tutte

Durante il suo sfogo, Antonella Clerici ha aggiunto: “A parte che Emma era bellissima, elegantissima, la più bella del Festival come eleganza, ma questo è un brutto messaggio per le ragazze, che già si sentono sempre molto inadeguate. Ragazze, non è vero: ricordate che è l’unicità che fa la differenza, non il conformarsi a quello che fanno tutte. Bisogna essere diverse! Io lo dico sempre: ho costruito il mio successo proprio dalle mie imperfezioni, e questa è stata forse la mia forza”.

Leggi anche—>Cristina D’Avena, insulti sui social: “È un ce**o” | La replica della cantante

Ecco, infine, le parole con le quali Antonella si è rivolta a tutte le donne: “Mi raccomando, siate uniche e vogliatevi bene per quello che siete, senza troppe storie inutili che tanto non si può piacere a tutti. Fregatevene!“.

 

Impostazioni privacy